Arti e creatività

All’ospedale San Martino di Oristano nasce il giardino della Psichiatria

Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell’ospedale San Martino di Oristano, guidato dal neodirettore Antonio Maria Laddomada, ha da questi giorni al suo interno un vero e proprio giardino fiorito, con una particolarità: a prendersene cura sono gli operatori e i pazienti dello stesso servizio.

Il progetto “Giardinaggio”, che rientra in un più ampio ventaglio di attività ricreative e di socializzazione in programma nel reparto, è nato su impulso della coordinatrice infermieristica Angela Dessì e dell’educatore Fabio Orani ed ha raccolto il favore e l’entusiasmo non solo del direttore Laddomada ma anche degli operatori e dei pazienti che si sono messi al lavoro per regalarsi un’area verde più accogliente e colorata.

Armati di guanti, zappette e palette, ieri i degenti, accanto a infermieri, operatori sociosanitari ed educatore, si sono trasformati in giardinieri e hanno arricchito il prato verde e le aiuole di fiori, piante aromatiche e piccoli arbusti che hanno donato un tocco di allegria a uno spazio asettico e impersonale. E se finora ci si è dedicati alla sola floricoltura, nel prossimo futuro è prevista anche la coltivazione di un piccolo orto che permetta ai pazienti di raccogliere i frutti del proprio lavoro.

«Il senso di questa iniziativa – spiega l’educatore Fabio Orani – non è solo quello di dotare il Servizio di uno spazio più gradevole in cui trascorrere le ore all’aria aperta, ma anche e soprattutto di impegnarli in un’attività che ha un valore riabilitativo. Per i nostri pazienti, il cui tempo di permanenza nel reparto è mediamente di un mese – prosegue l’educatore – il problema maggiore è costituito dal fatto di impiegare il tempo, un tempo scandito solamente dai pasti e dalle terapie». Essere impegnati in un’attività, al contrario, restituisce un senso alle giornate dei degenti e farlo fianco a fianco con gli operatori del Servizio facilita l’instaurarsi di un rapporto di fiducia e collaborazione. «Un altro aspetto fondamentale è quello della socializzazione: spesso chi è qui ha la tendenza a isolarsi, mentre un’attività come questa gli permette di avere un’occasione per relazionarsi con gli altri» conclude Orani.

Quello del giardinaggio non è l’unico progetto all’interno del Servizio: «Abbiamo molte altre iniziative in calendario – afferma la coordinatrice infermieristica Angela Dessì – dal laboratorio di arte e riciclo al cineforum, dal laboratorio di musica a quello di cucina. Ci stiamo attrezzando per portarle avanti tutte, questo anche grazie al direttore del Servizio, che crede nel valore terapeutico e riabilitativo di queste attività e sta dando un forte impulso ai diversi progetti».

Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura del San Martino, dotato di 15 posti letto, è un servizio ospedaliero dove vengono attuati trattamenti psichiatrici volontari ed obbligatori in regime di ricovero ed ospita persone differenti per età e patologie.

More from Arti e creatività

Progetto CIACK: le emozioni che si provano al cinema possono fare la differenza nella cura delle malattie neurodegenerative

L’arte può curare? E in particolare il cinema, la settima arte può influenzare positivamente lo stato emotivo di persone con diverse malattie? Queste domande hanno ispirato CIACK. Curare Attraverso il Cinema Kreativo, il primo progetto di cura con strumenti a … Per saperne di più