Arti e creatività

Al via il Progetto Curiamo con l’arte, la bellezza che cura. Museo a più voci

Il Centro di Salute Mentale Vulture-Melfese in sinergia con politiche sanitarie di integrazione che favoriscono inclusione e lotta allo stigma ha messo in cantiere un progetto culturale e di socializzazione.

“Il progetto è stato condiviso con le amministrazioni di Venosa, Lavello, Ginestra, Montemilone, Banzi, Maschito, Forenza, Palazzo San Gervasio, Genzano di Lucania e con l’Associazione familiari antistigma Alda Merini. visite a musei e a mostre d’arte come prassi terapeutica per i pazienti affetti da disagio e patologia mentale.

Il museo a più voci, vuole essere un progetto che si inserisce all’interno di una filosofia in cui l’arte deve essere accessibile a tutti ed è compito delle istituzioni culturali e sanitarie costituire i presupposti affichè questo sia possibile, questo rientra tra “l’approccio Capacitante”, ponendo la comunicazione,la parola al centro della cura.

La scommessa è che l’arte intesa come esperienza culturale complessa, che va dalla visita a un’esposizione, alla fruizione guidata di un ‘opera, alla sperimentazione di tecniche per l’espressione del sé e del proprio mondo interiore a trovare la possibilità alternativa di comunicazione e di relazione con persone affette da sofferenza.

Non solo terapia farmacologica ma anche la bellezza e l’arte sono strumenti terapeutici per alleviare sofferenze mentali e fisiche. In questa ottica di rete inclusiva e di approccio terapeutico innovativo che il 18 febbraio si è organizzata visita alla mostra di Van Gogh a Salerno nel complesso di Santa Sofia con i pazienti affetti da disagio e malattia mentale, volontari e maestri d’arte.

Una mostra multimediale ed immersiva a 3D per far rivivere emozioni forti con luce e colori dell’artista olandese. “ Cosa sarebbe la vita se non avessimo il coraggio di fare tentativi” V. Van Gogh”. Questo è l’ auspicio di speranza e di innovazione che contraddistingue il lavoro del Centro di Salute Mentale Vulture-Melfese”.

More from Arti e creatività

All’Ospedale di Chivasso concluso il progetto artistico aziendale “Corridoio Alberato”

All’Ospedale di Chivasso, presso il corridoio d’ingresso alla Rianimazione e al Blocco Operatorio e presso la zona “passamalati” all’interno del Blocco Operatorio stesso, gli operatori hanno dato vita a un secondo progetto artistico, “Corridoio Alberato”, che segue il ritorno positivo … Per saperne di più

“Talenti in corsia”: al via al Gemelli il progetto dedicato agli adolescenti con patologie complesse

Sono molti gli adolescenti con patologie complesse che si trovano ad affrontare il percorso della malattia con lunghe degenze in ospedale, controlli frequenti, percorsi di riabilitazione, vivendo le implicazioni cliniche, ma soprattutto psicologiche di queste patologie in funzione alla loro … Per saperne di più