Il piacere torna a guidare la spesa degli italiani

Print Friendly, PDF & Email

Mentre ha continuato a migliorare il profilo nutrizionale medio del carrello della spesa degli italiani, con il 2018 la voglia di gratificazione è tornata a spingere gli acquisti più edonistici. Free from e italianità restano i fenomeni più rilevanti, ma rallentano e mostrano le prime criticità dopo anni di boom. L’analisi della nuova edizione dell’Osservatorio Immagino che ha superato i 100 mila prodotti monitorati.

La nuova edizione dell’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy ha tagliato il traguardo dei 100mila prodotti rilevati, pari all’81% delle vendite totali canalizzate in Italia da supermercati e ipermercati. Una copertura molto significativa e in continuo aumento, che conferma l’unicità dell’Osservatorio Immagino e che rafforza il suo ruolo nel monitoraggio delle tendenze di consumo nazionali.

«In soli tre anni l’Osservatorio Immagino è diventato il punto di riferimento per chi vuole seguire e misurare l’evoluzione del carrello della spesa in Italia» spiega Marco Cuppini, research and communication director di GS1 Italy. «E questa quinta edizione, ampliata nella base statistica e dedicata al consuntivo del 2018, aggiunge un nuovo importante tassello per capire come sono cambiate le scelte d’acquisto degli italiani nel corso dell’ultimo triennio grazie a un approccio metodologico unico».

Anche nella nuova edizione, l’Osservatorio Immagino è stato elaborato incrociando oltre 100 variabili presenti sulle confezioni dei prodotti di largo consumo con le rilevazioni scanner di Nielsen su venduto, consumo e fruizione dei media: è, quindi, una fotografia che abbina la visione ampia di un’inquadratura grandangolare alla ricchezza di dettagli e sfumature di una foto macro. Infatti, riesce a identificare e a tracciare le macro-tendenze cross-category e ad entrare nel dettaglio dei fenomeni più significativi anche nelle singole categorie, seguendone l’evoluzione, e ad arrivare a cogliere quelli emergenti e ancora di nicchia, che in questa edizione sono evidenziati, anche graficamente, all’interno dei diversi capitoli dell’Osservatorio.

Dall’analisi delle informazioni riportate sulle etichette di 100.093 prodotti digitalizzati dal servizio Immagino di GS1 Italy sono emerse molte conferme di quanto già evidenziato nelle scorse edizioni e anche alcune novità: è nel mix tra gusto e benessere che va cercata la “cifra” del carrello della spesa medio italiano del 2018.

A livello macro, il 2018 conferma la tendenza a un carrello della spesa più salutistico, sia per il diverso mix di spesa sia per la valorizzazione in etichetta delle componenti più salutistiche dei prodotti, come emerge dal metaprodotto Immagino, costruito a partire dalle etichette nutrizionali presenti su oltre 60mila prodotti alimentari.

Rispetto al 2017, a sostanziale parità di apporto calorico, il metaprodotto Immagino ha registrato un’accelerazione nel taglio degli zuccheri e nell’aumento delle fibre e il consolidamento della crescita delle proteine. E, mentre rallenta la crescita dei grassi complessivi, si interrompe la tendenza alla riduzione dei grassi saturi. Sostanzialmente stabili, invece, i carboidrati.

Anche in questa edizione, l’Osservatorio Immagino ha approfondito l’evoluzione di 10 macro-fenomeni: il richiamo dell’italianità, il mondo del free from, il mondo del rich-in, il tema delle intolleranze, lifestyle, il mondo di loghi e certificazioni, la texture dei prodotti, e gli ingredienti benefici.

Anche nel 2018 la “famiglia” più numerosa in supermercati e ipermercati è quella dei prodotti “free from”: sono il 18,4% dei 64.800 prodotti alimentari monitorati dall’Osservatorio Immagino e realizzano un giro d’affari di 6,8 miliardi di euro. Ma nel 2018, per la prima volta, questo fenomeno ha smesso di crescere e si è assistito piuttosto a una revisione dei numerosi claim utilizzati.

Primi segnali di criticità anche per il secondo mondo per numero di prodotti a scaffale: quello dell’italianità, che accomuna oltre il 25% degli oltre 72 mila prodotti del paniere alimentare analizzato e genera un giro d’affari complessivo di 6,8 miliardi di euro, con claim come “100% italiano” e “prodotto in Italia”, con bandiere tricolori o bollini Dop, Docg, Doc o Igp. L’Osservatorio Immagino ha rilevato che nel 2018 è rallentato il trend espansivo delle vendite e del tasso di crescita dell’offerta di nuovi prodotti.

Nel 2018 sono emerse anche altre tendenze di consumo, a cui l’Osservatorio Immagino ha dedicato degli approfondimenti speciali: il boom del food to go; la comparsa del tema della filiera sulle etichette dei prodotti; la valorizzazione sulle confezioni dei metodi di lavorazione e dell’innovazione di prodotto, ricetta o formato.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *