“People in Mind”: il concorso di arti grafiche per chi “ha a mente” le persone con disturbi mentali

Print Friendly, PDF & Email

In quale modo si può raccontare cosa vuol dire ‘avere a mente’ e, soprattutto, a cuore, le persone con disturbi mentali?
La risposta è il concorso “People in Mind”, un’iniziativa che parte il 6 maggio 2019 e si chiude il 10 ottobre in occasione del World Mental Health Day, Giornata mondiale della Salute Mentale.
“People in Mind” riprende volutamente il claim di Lundbeck per i suoi 25 anni in Italia, 25 anni dedicati appunto alle persone che soffrono di disturbi mentali.
“Lundbeck è da sempre impegnata nell’individuare soluzioni che possano consentire alle persone con disturbi mentali di poter tornare a vivere al meglio. Crediamo che la vita non dovrebbe mai essere interrotta da queste patologie e per questo ci dedichiamo instancabilmente sia alla ricerca clinica che alla formazione scientifica. Quest’anno il nostro impegno si arricchisce di una iniziativa che vuole sensibilizzare sulle patologie mentali che ancora oggi, spesso, troppo spesso vengono stigmatizzate.  Abbiamo pertanto condiviso di lanciare un’ iniziativa che potesse illustrare attraverso alcune forme d’arte cosa significhi avere a mente le persone con disturbi mentali”, afferma l’AD, Tiziana Mele.
Il concorso vuole, quindi, combattere, attraverso l’arte, lo stigma e i pregiudizi ancora esistenti nei confronti delle persone che soffrono di disturbi mentali.
“Ancora troppo spesso le persone con disturbi mentali vivono il loro percorso in una condizione di solitudine o di incomprensione non solo sul posto di lavoro ma anche in contesti familiari e sociali. In occasione dei 25 anni di Lundbeck Italia abbiamo pensato di lanciare il concorso “People In Mind” perché vorremmo che più persone possibili iniziassero a domandarsi cosa vuol dire vivere con un disturbo mentale e cosa vuol dire vivere con lo stigma ad esso associato. Perché crediamo che l’unica risposta allo stigma sia la conoscenza e l’empatia. Vorremmo, quindi con questa iniziativa promuovere una lotta allo stigma attraverso appunto la conoscenza e l’empatia tradotte in arte”, aggiunge Scilla Chirizzi, Marketing Manager in Lundbeck Italia.
Il concorso, che ha ottenuto il patrocinio del World Mental Health Day, avrà come termine ultimo proprio il 10 ottobre, giornata mondiale della Salute Mentale.
A sostenere la manifestazione anche Fondazione ONDA, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, che da anni affianca numerosi progetti che affrontano stigma, paure e pregiudizi legati a malattie psichiche; Progetto Itaca, che promuove programmi di informazione, prevenzione, supporto e riabilitazione per le persone affette da disturbi che riguardano la salute mentale; le principali società scientifiche: SINPF, Società Italiana di Psichiatria e SIP giovani, SIPS e SOPSI e la Royal Danish Embassy, che ospiterà la cerimonia di premiazione.
Per partecipare – in modo gratuito – è sufficiente accedere al sito web dedicato alla manifestazione www.concorsopeopleinmind.it, prendere visione del regolamento e seguire le istruzioni.
I contributi saranno validati, valutati e selezionati da una giuria tecnica composta da rappresentanti delle principali società scientifiche, da un rappresentante di Onda, da un esperto d’arte e da un rappresentante di Lundbeck Italia.
È previsto l’invio, da parte di ciascun partecipante, di un solo contributo artistico, originale e inedito, in forma di arti grafiche.
Le opere inviate dai partecipanti, una volta validate, saranno visibili a tutti gli utenti del sito www.concorsopeopleinmind.ite sui canali social di Lundbeck Italia, insieme ai nomi degli autori. 25 saranno le opere selezionate come finaliste, inviate in originale e raccolte per essere ospitate, nel 2020, in una mostra itinerante tra diverse sedi italiane.
Tra le 25 opere, 3 saranno vincitrici del concorso: al primo classificato sarà assegnato un viaggio per due nell’arte del Nord a Stoccolma, al secondo un viaggio per due nel mondo di Van Gogh ad Amsterdam e al terzo un buono per acquistare materiale artistico.
Gli autori delle opere classificate ai primi tre posti saranno inoltre invitati a partecipare all’evento di premiazione che si terrà il 3 dicembre 2019 nella residenza dell’Ambasciatore Danese a Roma.
Fuori concorso infine, un riconoscimento speciale di 2mila euro sarà devoluto al progetto di un ente o associazione che si è distinta per aver messo al centro delle sue attività le persone con disturbi mentali.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *