La Val D’Ega in lungo e in largo

Print Friendly, PDF & Email

Se è vero che mille passi al giorno sono un potente antidoto alla tristezza e alla depressione, allora la Val D’Ega si candida a essere un avamposto della felicità nel cuore delle Dolomiti.

Quella che si apre davanti agli occhi di chi è abituato a percorrere sempre le stesse strade cittadine circondate da asfissianti palazzi tutti uguali è una vastissima area ai piedi del gruppo del Catinaccio e attorno al massiccio del Latemar, dove gli inguaribili escursionisti ma anche i sostenitori della filosofia della passeggiata tranquilla con tavolata finale trovano 530 km di spunti per spostarsi su sentieri panoramici dedicati ai principianti e su sentieri tematici a misura di famiglia o, ancora, per organizzare escursioni in alta montagna adatte ai camminatori esperti. E, disseminati tra le vette e i pascoli, 32 rifugi alpini e malghe tradizionali invitano a fermarsi per gustare le specialità tipiche.

Simbolo di una vocazione escursionistica da competizione, il Latemarium è un’esperienza unica che si dirama in molteplici possibilità tematiche per chi intende la camminata come un percorso di scoperta. Sotto il Latemar, otto sentieri creano avventure naturalistiche varie e ricche di curiosità per i grandi e per i più piccoli. Le stazioni informative e avvincenti installazioni come la piattaforma panoramica LATEMAR.360° contribuiscono a rendere ogni metro sulla montagna un passo in un universo di arte, cultura e natura, al centro del quale risplende il rifugio Oberholz, un gioiello architettonico che vanta tre spettacolari vetrate panoramiche.

Verso il sole è invece una nuova proposta per gli amanti del jogging, che alle 7.00 di ogni mercoledì possono partire da Nova Ponente per una corsao per una passeggiata mattutina con guide esperte. La colazione di gruppo presso il maso Kreuzhof e la splendida vista su un orizzonte che sembra non avere fine ripagano ampiamente della fatica e della sveglia anticipata.

Da metà maggio al termine di ottobre 2019, infine, un programma settimanale di escursioni guidate deve apparire un’autentica boccata d’ossigeno a chi tutto l’anno sogna il trekking in pendenza. Dal lunedì al venerdì, in uno scenario compreso tra Nova Levante, Nova Ponente e Collepietra, sarà possibile aggregarsi a una camminata al tramonto con merenda in vetta, andare alla scoperta di fiori ed erbe aromatiche o lanciarsi in esperienze tematiche, salire a bordo di un bus escursionistico, perdersi nella storia e nella cultura, vagare tra le stelle o approfittare di tuffi nella geologia e nella natura.

La montagna evoca però anche clamorose avventure verticali. Latemar e Catinaccio si rivelano immediatamente un paradiso dell’arrampicata nello strepitoso contesto del patrimonio mondiale UNESCO. Conquistare la vetta con la sola forza delle braccia sulle irte pareti di roccia bianca che qui si innalzano è il sogno di tutti gli scalatori, fin dai secolari albori dell’alpinismo. Se le cinque vie ferrate della Val d’Ega offrono emozioni difficili da spiegare, gli esperti possono soddisfare la loro passione per la montagna cimentandosi con innumerevoli vie classiche di arrampicata.

Ovviamente, c’è anche spazio per neofiti e principianti, ai quali bastano una visita al bosco avventura e il percorso ad alta fune di Obereggen per avere un assaggio della sfida alla gravità. Adulti e bambini possono inoltre avvicinarsi a questa attività così connessa alla natura partecipando ai corsi settimanali di prima arrampicata che si svolgono nella palestra di roccia all’aperto a Carezza o chiedendo informazioni ai Centri d’Alpinismo Catinaccio e Obereggen.

Un altro interessante e divertente modo per girare e visitare la Val d’Ega è sicuramente la bicicletta. Non appena appoggia le ruote in Val D’Ega, infati, il ciclista non vede prati e montagne ma un autentico parco di divertimenti, un infinito circuito da percorrere in lungo e in largo, conquistando vette su salite vertiginose, attraversando gran premi del bosco e lasciandosi scivolare intorno uno dei panorami più affascinanti del mondo. Nel cuore delle Dolomiti, i più ambiziosi appassionati dei pedali e delle pendenze trovano un vero e proprio paradiso: intorno al Catinaccio e al Latemar, si snoda infatti un’ampia rete di piste ciclabili, con numerosi itinerari e single trail per mountain bike, freeride ed e-bike, che possono essere utilizzati da marzo fino a novembre. Inoltre, i Bike Hotel garantiscono offerte su misura per una perfetta vacanza in bicicletta.

Il Biketrail Carezza è un nome che risuona nelle orecchie dei ciclisti per tutto l’anno, fino a che davanti ai loro occhi non si manifesta un invitante e variegato flowtrail per tutti i livelli di 4,4 km e 500 m di dislivello, con partenza dalla stazione a monte della funivia di Nova Levante, curve con sponda e paraboliche, north-shores, piccoli ponti e salti.

Per chi vuole migliorare la tecnica prima di lanciarsi su due ruote nell’avventurosa scoperta della montagna, la Val D’Ega mette a disposizione ben due aree di allenamento. Se salti, tornantini, pumptrack, drop, rockgarden e scalini permettono di accrescere la propria preparazione al Bikepark Nova Ponente, balance-north-shores e ostacoli per imparare il bunnyhop assicurano ai biker una buona dose di adrenalina al Trainingpark Carezza.

Chi è già preparato può partecipare alla 22esima edizione di Bike Transalp, che il 16 luglio 2019 fa tappa in Val D’Ega. È anche possibile limitarsi ad aspettare l’arrivo o guardare il passaggio dei circa mille concorrenti provenienti da oltre 40 nazioni iscritti alla più incredibile competizione del mondo riservata alle mountain bike. Lo strepitoso panorama alpino, i tragitti spettacolari e i passi altamente impegnativi ne fanno una delle corse più affascinanti del pianeta, in un trionfo di adrenalina su 500 km.

Dal 13 al 16 giugno 2019, Rosadira Bike Festival a Nova Levante e Carezza si candida comunque al titolo diappuntamento clou della stagione: quattro giorni dedicati alla MTB nello sfondo unico delle Dolomiti si diramano in una vastissima offerta di tour guidati, workshop di tecniche di guida, possibilità di test e molto altro. E tutto nel cuore del Patrimonio dell’Umanità UNESCO delle Dolomiti.

Se con la Bikecard è infine possibile utilizzare gli impianti di risalita trasportando la propria biciclettain modo pratico ed economico, le scuole di mountain bike e ciclismo Bike School Val D’ega e Dolomiti Bikeschool sono a disposizione per venire incontro alle richieste di principianti ed esperti, ai quali viene proposto un ricco programma settimanale di tour guidati in MTB ed e-bike sui migliori percorsi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *