Pasqua e long week-end sul lago di Costanza

Print Friendly, PDF & Email

A poche ore di distanza dall’Italia, la Regione Internazionale del Lago di Costanza – incastonata tra Germania, Svizzera, Austria e Principato del Liechtenstein – è una meta vicina per le vacanze di Pasqua e i ponti di primavera. Il particolare microclima favorisce le splendide fioriture di parchi e giardini, che diventano vere tavolozze di colori, e fanno da cornice ai tanti castelli, conventi e abbazie da raggiungere comodamente pedalando, o con escursioni a piedi. In diverse località, poi, interessanti mostre omaggiano artisti di area linguistica tedesca – dagli esponenti dell’espressionismo all’arte astratta contemporanea.

Una città si trasforma in giardino. L’esposizione orticola Landesgartenschau nella storica Überlingen reinventa gli spazi verdi e ridisegna i suoi parchi e la Promenade sul lago, arricchendosi di aree di gioco e di svago, per una celebrazione lunga sei mesi e che coincide con i 1.250 anni dalla fondazione della città, festeggiata con mostre, feste ed eventi. A pochi chilometri da Überlingen, un breve tratto in nave permette di raggiungere Mainau.

Proprietà dei discendenti di un ramo della famiglia reale svedese, l’Isola del Fiori – aperta tutto l’anno dall’alba al tramonto – stupisce i suoi visitatori con grandi parchi, giardini, limoni e piante mediterranee, serre e un arboreto. In primavera esplode qui la fioritura di milioni di bulbi, tra cui quella delle 450 varietà di tulipani – per la quale lo scorso ottobre l’Isola ha ricevuto all’Aja il titolo del “Tulip Garden of the Year 2019”. Lo sbocciare dei fiori è, del resto, uno spettacolo in tutte le destinazioni del lago.

La riva tedesca celebra l’arrivo della primavera con tour, degustazioni e visite guidate del territorio, e un fitto programma di eventi, dal 13 marzo al 31 maggio 2020. La sponda svizzera del lago, con il Canton Thurgau, si trasforma in un mare bianco e rosa, grazie alla fioritura di meli e ciliegi. Esplorando i dintorni ci si può fermare nelle fattorie che offrono camere, spuntini, ma anche succhi di mele, dolci e sidro da acquistare e portare a casa.

Nel “cantone della mela” è attivo un numero di telefono che informa i gitanti sullo stadio della fioritura. Durante il finesettimana del 5 – 7 giugno, infine, l’edizione primaverile della Lunga Notte dei Giardini del Bodensee dà accesso fino a notte inoltrata a molti parchi, oasi urbane, chiostri e giardini privati dell’intera regione, con un programma di letture, musica, show culinari e mostre ad hoc – ad esempio presso la Certosa di Ittingen, il parco Seeburg di Kreuzlingen – in Svizzera – e la stessa Isola di Mainau, in Germania.

Un’esplosione di colore sono anche alcune delle mostre in programma questa primavera nella regione del Lago di Costanza. A Lindau, Paula & Otto – Arte e Amore in movimento esplora similitudini, interazioni e differenze nell’opera della coppia Paula Modersohn-Becker e Otto Modersohn, legata dal matrimonio, oltre che da un sodalizio artistico. È il lavoro di Paula Modersohn-Becker, in particolare, ad aver destato, postumo, il maggior successo: esponente del primo espressionismo, la pittrice affrontò in modo personalissimo e innovativo il ritratto, e soprattutto i temi legati a infanzia e maternità.

L’espressionismo tedesco attorno al 1818 è il tema della retrospettiva in programma ad Engen im Hegau. A raffronto, i lavori di 30 artisti nel lasso temporale che va dai Cicli della Guerra di Ludwig Meidner al Cadavere nel reticolato di Otto Dix – attraversato da inquietudini e sogni, nuove esperienze espressive, ma anche il primo conflitto mondiale e la fondazione della Repubblica di Weimar.

Il mondo come luogo di sperimentazione ludica, da catturare con mezzi diversi – tra cui installazioni, video e fotografia – è la dimensione di Peter Fischli, artista svizzero che si formato all’Accademia delle Belle Arti di Bologna e Urbino, al quale la Kunsthaus Bregenz dedica una personale dal 25 aprile al 7 luglio. al. A San Gallo, infine, il Kunstmuseum presenta, fino al 26 aprile, l’opera di Iman Issa – artista egiziana che vive e lavora a Berlino, impegnata in una riflessione sulla nostra eredità storica e sociale, che travalica i confini geografici e viene da lei espressa in sculture e forme astratte.

A piedi o in bicicletta, alla scoperta di fortezze, chiese, conventi e palazzi. La regione del Lago di Costanza vanta molte attrazioni di carattere storico, artistico e spirituale, da scoprire pedalando sulle due ruote lungo la Ciclabile del Bodensee tra rive e giardini in fiore, o con le escursioni a piedi, alternate ai passaggi in nave. L’Isola di Reichenau, collegata da un ponte alla città di Costanza, è conosciuta come culla della civiltà occidentale. Un tempo enclave monastica, custodisce nella basilica romanica di San Giorgio gli affreschi meglio conservati anteriori all’anno mille al di là delle Alpi, ed è percorsa da giardini, orti e filari di viti.

Sulla sponda opposta del lago il castello e convento di Salem e uno dei maggiori esempi di convento cistercense in Germania. Potentissimo nel medioevo, il complesso racchiude una chiesa gotica, il castello barocco con le sue preziose sale, bellissimi giardini e una cantina dei vini – dove ammirare l’imponente torchio in legno e dedicarsi a una degustazione di vini. A poca distanza anche la fortezza di Meersburg: il più antico castello ancora oggi abitato della Germania, permette ai visitatori di farsi un’idea vivace e concreta della vita che qui vi si conduceva nel medioevo – esplorando saloni, cucine, prigioni e sale nobili. In diversi fine settimana di primavera il castello è animato da comparse, cavalieri, servi e dame, che permettono di esplorare temi diversi – dall’arte della guerra alla cucina al tempo dell’età di mezzo.

Spostandosi in Svizzera, infine, il castello di Arenenberg offre un idilliaco panorama sul lago. Scelto come dorato esilio da Ortensia de Beauharnais, madre del futuro imperatore dei francesi Napoleone III, il palazzo esprime il celebrato buongusto della figliastra di Napoleone Bonaparte, espresso nelle eleganti stanze del palazzo e negli adiacenti giardini.

La regione internazionale del Lago di Costanza è una celebre destinazione turistica nel cuore dell’Europa. Incastonata tra Germania, Svizzera, Austria e Principato del Liechtenstein – le cui frontiere si susseguono a poca distanza le une dalle altre – e ricco di una natura varia e rigogliosa, il Bodensee è un continuo alternarsi di panorami alpini, colline ricoperte di vigneti e deliziose cittadine rivierasche. Tra i suoi tanti gioielli le città storiche di Costanza e Lindau e il loro comprensorio; la città storica di Ravensburg in Alta Svevia; San Gallo, la cui cattedrale, biblioteca e complesso monastico sono parte del Patrimonio UNESCO per l’Umanità; Sciaffusa e le cascate più grandi d’Europa; Bregenz e il Vorarlberg, tra vette montane e architetture d’avanguardia e il Principato del Liechtenstein, piccolo Paese alpino ricco di storia e tradizioni, per vivere esperienze principesche.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *