Leonardo Hotels Central Europe chiude il 2018 con risultati positivi

Print Friendly, PDF & Email

Leonardo Hotels Central Europe ha raggiunto una crescita significativa nel 2018: il numero totale di ospiti, così come il fatturato e i ricavi per camera disponibile sono aumentati in modo significativo. Il portafoglio dell’unità si compone ora di nove nuovi hotel con un totale di 1.342 camere.
Quasi 4,6 milioni di ospiti hanno pernottato in uno dei Leonardo Hotels Central Europe nel 2018. Ciò rappresenta un aumento del 9,7% rispetto al 2017. Gli hotel hanno generato un aumento del fatturato del 12,5% con 364 milioni di euro nel 2018 e un risultato per camera disponibile aumentato del 3,8% con 76,07 euro. Complessivamente sono stati investiti 30 milioni di euro per la manutenzione e il rinnovamento di alcuni immobili selezionati.
A seguito dell’ambiziosa espansione e dell’ampliamento del portafoglio, nel 2018 sono state aggiunte otto proprietà in Germania e una in Spagna. Leonardo Hotels Central Europe ha acquisito il Best Western Savoy Hotel Düsseldorf, che è stato lanciato nel maggio 2018 come Leonardo Boutique Hotel Düsseldorf, e il Wyndham Mannheim, che ha riaperto come NYX Hotel Mannheim nel febbraio 2019 dopo una completa ristrutturazione e riprogettazione. Tra gli hotel di nuova apertura, il NYX Hotel Madrid, il Leonardo Royal Hotel Ulm, il Leonardo Hotel Bad Kreuznach e il NYX Hotel Munich. Le porte del Leonardo Hotel Düsseldorf Airport-Ratingen e del Leonardo Hotel Frankfurt City South sono state aperte nell’aprile 2018 con il marchio Leonardo. Nell’agosto 2018 è seguito il Leonardo Boutique Hotel Berlin City South, NYX Hotel Madrid, NYX Hotel Munich, Leonardo Royal Hotel Ulm, Leonardo Boutique Hotel Berlin City South Leonardo Hotels Central Europe.
Leonardo Hotels Central Europe ha aperto altri hotel quest’anno: NYX Hotel Mannheim, NYX Hotel Bilbao e Leonardo Royal Hotel Venice Mestre. Per il 2020 e 2021 sono previste nuove sedi ad Augusta, Dortmund, Eschborn, Francoforte, Amburgo, Norimberga, Offenbach, Varsavia e Zurigo.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *