L’inverno è arrivato sull’altipiano del Renon

Print Friendly, PDF & Email

L’inverno è ufficialmente arrivato sull’altipiano del Renon, vera e propria oasi alpina a due passi da Bolzano, raggiungibile in appena 12 minuti con la funivia che parte dal capoluogo altoatesino. Le forti nevicate di questi giorni hanno imbiancato vette e prati, e qui non si aspetta altro che l’apertura del Trenatale del Renon, prevista per il prossimo 29 novembre, con la speciale presenza dei lama del maso Kaserhof. L’atmosfera del mercatino natalizio quest’anno sarà ancora più fiabesca grazie al paesaggio innevato, che farà da cornice alle tradizionali bancarelle collocate nei pressi della stazione del Trenino del Renon, con incantevoli stand di legno – che richiamano la forma dei vagoni del treno – zeppi di dolci e poi ancora fiori di carta, pantofole in lana, succhi bio, vin brulé, confetture, prodotti a base di erbe alpine, ma anche manufatti di artigianato locale. Da Soprabolzano sarà poi possibile raggiungere Collalbo a bordo del Trenino, per gironzolare ancora tra i banchi, o approfittare del ricco programma di concerti, letture di fiabe, giri in carrozza e teatro delle marionette.
Un piccolo paradiso alpino come l’altipiano del Renon è naturalmente anche la meta perfetta per chi vuole godersi vacanze rilassanti, alla scoperta dei sapori più tradizionali dell’Alto Adige. Tra gli eventi enogastronomici, spiccano Gourmet im Schnee, in programma il 14 dicembre, con show cooking presso il rifugio in quota Feltunerhütte, con il top chef Wolfgang Fink, e aperitivo alla stazione a monte presso la trattoria “Schwarzseespitze”. A marzo tornano invece due appuntamenti classici e molti amati come l’Alba al Corno del Renon e la Pistnkuchl del 14 marzo, ancora sul Corno del Renon: protagonisti sei chef, sei baite e ristoranti e altrettante specialità tipiche, per degustazioni gourmet direttamente sulle piste. 
E poi ci sono gli eventi sportivi: tra i più importanti motivi di richiamo c’è senza dubbio la Horn Attacke del 7 marzo 2020, la gara di duathlon arrivata alla sua quinta edizione, che prevede 20 km di corsa da Bolzano a Pemmern, seguiti da 2.000 metri di dislivello fino al Corno del Renon.
Sull’altipiano del Renon brucia la passione per l’hockey: a conferma ci sono le squadre “di casa” e il fitto calendario di gare. Ovviamente tanta passione è supportata da impianti di alto livello: a cominciare dall’Anello di Ghiaccio del Renon, la pista all’aperto più veloce del mondo, dotata di una magnifica vista panoramica sulle Dolomiti e aperta a tutti. Insieme al Palaghiaccio dell’Arena Ritten a Collalbo, al campo di ghiaccio naturale a Soprabolzano e all’idilliaco lago di Costalovara, ghiacciato da inizio dicembre a inizio marzo, l’altipiano del Renon è un autentico paradiso per gli appassionati di questo sport. 
E poi ancora: escursioni da fare a piedi o con le ciaspole, grazie ai sentieri panoramici invernali ben segnalati, alcuni dei quali percorribili pure con i passeggini. Imperdibile il Panorama Tour invernale: dalla cabinovia Cima Lago Nero, è un percorso di circa 2 ore e mezza con una vista indimenticabile sulle Dolomiti. Infine l’emozione dello slittino sulla pista lunga oltre 2,5 km, dalla stazione intermedia della cabinovia fino alla stazione a valle Pemmern, attraverso un paesaggio punteggiato da alpeggi e boschi di montagna. 
L’altipiano del Renon si conferma meta ideale per tutto l’inverno, specialmente per le famiglie e per gli appassionati dello sci “slow”: merito della sua posizione, dei tanti giorni di sole e delle tariffe competitive: tutte cose che fanno del Renon una valida alternativa rispetto ai grandi comprensori. Il paradiso sciistico del Corno del Renon mette a disposizione degli appassionati 15 km di piste, ampie e panoramiche, dove è possibile godersi la vista spettacolare sulle vette dolomitiche – dal Gruppo del Sella allo Sciliar – per una autentica full immersion nella natura. La stagione bianca prenderà il via il 14 dicembre, con un’anteprima il 7 e 8 dicembre. 
Tra le offerte speciali, spicca il Ladies day: dal 4 gennaio al 22 marzo, tutti i martedì, le donne possono sciare spendendo di meno grazie agli sconti del 15% sui giornalieri e sull’attrezzatura da sci. Nello stesso periodo, tutti i giovedì, sarà invece valida l’offerta Oldies but goldies: anche in questo caso, sconti sugli skipass e altre promozioni speciali per tutti gli over 60. 
In particolare i bambini sotto i 6 anni possono dormire gratuitamente nella stanza dei genitori, mentre, sotto gli 8 anni, anche lo skipass è gratuito. Si potrà approfittare, tra le altre attività free, di escursioni guidate, con o senza racchette da neve, di un breve corso introduttivo all’uso dello slittino, di un workshop per imparare a fare il pane in un maso e pattinaggio gratuito il sabato e domenica presso l’Arena Ritten di Collalbo. Inoltre, nel pacchetto sono compresi sconti sugli skipass.
Per gli sciatori più piccini, la scuola di sci Corno del Renon è perfetta: l’atmosfera è amichevole e i maestri di sci hanno un approccio giocoso e divertente, grazie anche alla notevole esperienza nell’insegnamento. La scuola è inoltre dotata di un campo prova presso la stazione intermedia della cabinovia, con due varianti di tracciato e un “tappeto magico” per il trasporto dei bambini. Ma le piste ampie, i comodi accessi agli impianti di risalita e lo snowpark presso la stazione intermedia del Pemmern, aspettano anche le evoluzioni dei freestyler. Per gli appassionati di sci di fondo, sono a disposizione piste perfettamente preparate in un contesto spettacolare, dal facile anello per principianti di 5 chilometri, alla più impegnativa pista di 35 chilometri.
Gli impianti del Corno del Renon sono facilmente raggiungibili anche per chi parte da Bolzano: dal capoluogo partono, ogni ora, autobus di linea diretti a Collalbo e poi alla stazione a valle di Pemmern, da dove parte la cabinovia a 8 posti fino alla Cima Lago Nero. Oppure con la Funivia del Renon si può raggiungere Soprabolzano in pochi minuti, poi prendere il trenino fino a Collalbo, infine l’autobus di linea fino a Pemmern.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *